Percorsi di qualità UNI EN ISO 9001:2015

AFoR, come ente operativo della Regione Umbria coinvolto nell’erogazione di servizi in ambito di agricoltura, bonifica, irrigazione e tutela del patrimonio boschivo, ha intrapreso un percorso per la certificazione di qualità di molti dei suoi servizi. UNI EN ISO 9001:2015 è una norma internazionale volontaria che un’organizzazione, pubblica o privata, manifatturiera o di erogazione servizi, può decidere di implementare come strumento per «accrescere la soddisfazione dell’utente, tramite l’applicazione efficace del sistema, compresi i processi per migliorare il sistema stesso e assicurare la conformità ai requisiti del cliente e ai requisiti cogenti applicabili».

Regole certe, per soddisfare l’utente

La Norma UNI EN ISO 9001:2015 definisce un modello organizzativo, ovvero un insieme di regole, che una qualsiasi organizzazione intende rispettare. Chi adotta volontariamente un modello certificabile, decide di fatto, di permettere un controllo da una terza parte indipendente, relativamente al suo impegno nell’adozione e rispetto di un insieme di regole ben definite e certe. UNI EN ISO 9001:2015 in estrema sintesi impone all’organizzazione di sviluppare per ogni attività intrapresa, specifiche azioni atte a prevenire difettosità, errori, ritardi, sprechi e non conformità; il tutto finalizzato a massimizzare il grado di soddisfazione dei clienti.

AFoR UNI EN ISO9001:2015

Il Sistema di Gestione per la Qualità (SGQ) è un sistema di politiche, processi, procedure, registrazioni e documentazione di ogni tipo che si ritiene importante o fondamentale per definire le regole interne che stabiliscano in maniera chiara e univoca, il modo in cui l’organizzazione crea e fornisce il prodotto o il servizio ai clienti. La norma UNI EN ISO 9001:2015 fornisce le linee guida, affinché non sia trascurato nessun elemento necessario per il successo del SGQ, ma la realtà su cui si applica è diversa da organizzazione a organizzazione e quindi ogni SGQ deve essere tagliato su misura, sull’organizzazione e sui suoi prodotti o servizi.

Processi costantemente monitorati

L’approccio per processi è il cardine di un QMS (Quality Management System) efficace. Ogni operazione dell’organizzazione va considerata come un processo di cui bisogna identificare: input – risorse necessarie – documenti – attività – output di ogni operazione. Una volta che il sistema basato su processi è stato messo in piedi, bisogna organizzare controlli per monitorarne e misurarne l’efficacia e l’efficienza, e migliorarli. Il modo migliore per implementare questo tipo di approccio è creare una mappa dei processi che includa tutti i processi dell’organizzazione e le loro interconnessioni, per definire quali sono gli input di ciascun processo, i controlli da applicare e gli output desiderati.

Il raggiungimento della certificazione e prima ancora l’implementazione del Sistema di Gestione per la Qualità non è onere del singolo, parte invece dall’impegno delle più alte sfere, che mettono a disposizione le risorse (persone, tempi, mezzi, strumenti, finanze), e arriva alla fattiva collaborazione di tutto il personale. L’impegno comune è l’unica possibile via per ottemperare alle tante richieste delle norme volontarie. La continua formazione del personale è una delle strategie che permettono di diffondere la cultura della qualità.